Dal sito della Farnesina ( viaggiare sicuri )

Dal sito della Farnesina ( viaggiare sicuri )

Si ricorda in ogni caso l’esigenza di adottare un comportamento improntato al rispetto delle usanze islamiche (per un maggiore dettaglio si può fare riferimento alla Scheda paese), oltre che alle comuni norme di prudenza, in particolare quando si visitano le grandi città dove si possono verificare episodi di piccola criminalità. 

Si attira tuttavia l'attenzione sulla necessità di evitare i viaggi in alcune zone del paese (peraltro generalmente escluse dagli itinerari turistici) nelle quali si registra un accresciuto attivismo delle organizzazioni indipendentiste, anche per effetto di una instabile situazione nei paesi confinanti, con conseguente aumento dei rischi per la sicurezza:
zone di confine con il Kurdistan iracheno (fascia di confine di circa 10 km ad ovest delle province di Kordestan, Kermanshah, Ilam, Khuzestan);
regioni sud-orientali del paese (zone di confine della provincia del Khorasan meridionale con l'Afganistan, intero territorio della provincia del Sistan-Baluchistan, parte orientale della provincia di Kerman ad est di Bam);
alcune isole minori dello Stretto di Hormoz: si sconsiglia vivamente di recarsi con imbarcazioni da diporto private nelle vicinanze delle acque attigue alle isole della Grande e Piccola Tunb e di Abu Musa, la cui sovranità è oggetto di contenzioso con gli EAU.